A UN SECOLO DALLA RIVOLUZIONE RUSSA

Treno nella neve

Dopo 4 ore passate rinchiusi nel frastuono della carlinga d’un Tupolev, dall’ Europa all’ Asia, da Mosca a Khabarovsk, può essere comprensibile la tentazione di sottrarsi alla conferenza-stampa d’ un diligente funzionario del ministero degli Esteri sovietico, che spiega minuziosamente come sarà negli anni successivi la nuova linea ferroviaria transiberiana Leningrado-Vladivostock. Non basta a trattenerci…
Leggi tutto

MILITARI ARGENTINI CONDANNATI

Bandiera Argentina

Una società divisa dalla frattura etica. La giustizia argentina ha condannato con 29 ergastoli e pene carcerarie tra gli 8 e i 25 anni, 48 ufficiali della marina militare colpevoli di gravissimi crimini contro l’umanità compiuti negli anni dell’ultima dittatura, tra il 1976 e l’83. La sentenza del Tribunale Federale di Buenos Aires giunge a…
Leggi tutto

SORPRESA IN CILE

Candidati alla presidenza del Cile 2017

Deciderà il ballottaggio tra un mese, ma l’esito del primo voto – la passata domenica 19 – ha scompigliato i pronostici: il favorito della vigilia alle elezioni politiche generali, il milionario ed ex presidente (2010-2014) Sebastian Piñera, leader indiscusso della destra accreditato di un 40/45 per cento dei suffragi, si è fermato sotto il 37….
Leggi tutto

DI QUA E DI LA’ DEL MARE…

Un elettorato scontento che configura l’astensionismo come primo partito con un 50 per cento, un centro-sinistra legalmente separato dopo quasi 30 anni di più o meno felice convivenza e una sinistra a sua volta divisa di fatto, richiamano situazioni europee da oltre 14mila chilometri a sud-ovest del vecchio continente, dall’altra parte del pianeta, nella punta…
Leggi tutto

“PAPA FRANCESCO, MARXISTA?”

Il Libro "Papa Francesco Marxista?"

A ben vedere, non è malizioso, né gratuito il titolo sensazionalista del nuovo libro su Papa Bergoglio, scritto da Diego Siragusa, filosofo per formazione, osservatore documentato e tagliente della politica internazionale. Stessa avvertenza per la controcopertina scritta dall’editore Zambon, che rimarca la brusca contraddizione tra il freddo volto burocratico e conformista attribuito al Pontefice da…
Leggi tutto

L’ARGENTINA POPULISTA NON VOTA PIU’ PERON

Buenos Aires manifestazione

L’eccezionalità politica argentina, marcata dalla diffusa persistenza del peronismo a settant’anni dalla nascita e a oltre 40 dalla morte del suo fondatore e leader assoluto, svolta adesso verso nuovi populismi. Domenica 22 ottobre, nelle elezioni parlamentari di metà mandato presidenziale, dunque a 2 anni dall’ingresso alla Casa Rosada dell’imprenditore miliardario di origine italiana Mauricio Macri,…
Leggi tutto

LA SCELTA DEI CATALANI E I RISCHI PER IL VENETO

Referendum in Catalogna

Economista, docente universitario e uomo d’impresa, il veneziano Giuliano Segre conosce a fondo la realtà economica e culturale del nord-est italiano, sulle cui aspirazioni autonomiste riflette a partire dalle ultime vicende del separatismo catalano e della crisi che ha aperto nello stato spagnolo. L’articolo è pubblicato su “La Nuova Venezia” del gruppo Finegil. Il 16…
Leggi tutto

PER CHI SUONA LA CAMPANA?

Proteste in Catalogna

Carichi di echi lontani e recenti, i rintocchi della drammatica crisi istituzionale in Spagna allarmano tutt’Europa. Da Bruxelles, però, possono soltanto invocare buon senso e sperare. La vertenza si gioca oltre i Pirenei. L’omaggio alla Catalogna indipendentista non è certo possibile, il suo avventurismo appare evidente: lo sciopero generale ne è un’altra manifestazione. Ma l’insipienza…
Leggi tutto

PERCHE’ I NEO-NAZISTI TORNANO AL BUNDESTAG

Bundestag

I recentissimi risultati delle elezioni in Germania, pur largamente previsti, sconcertano l’opinione democratica europea e mondiale. L’ingresso in forze nel sistema parlamentare tedesco di un partito con robuste componenti neo-naziste preoccupa tutti, da Mosca a Washington. Rinfocola timori antichi, spesso sopiti da circostanze eccezionali come negli anni della guerra fredda. Però mai dimenticati, tanto da…
Leggi tutto

IMMIGRANTI: LA MERCE NUMERO UNO

Immigranti

Roma, settembre I trafficanti, oggi, sono soprattutto arabi delle oltre 140 milizie e tribù in armi che spadroneggiano sul territorio libico, con o contro il governo tripolino di al-Serraj, interlocutore privilegiato del governo italiano, dice Emma Bonino, storica dirigente radicale ed ex ministro degli Esteri. Questi mercanti contrabbandano di tutto, dalle armi alla droga; e…
Leggi tutto