NOVANT’ANNI DI FIDEL

Fidel Castro

E’ presto impallidito e poi attraverso il fallimento delle imprese più audaci svanito del tutto, quel cielo rosso-fuoco che allo scoccare degli anni Cinquanta accoglieva all’Avana i comandanti della Rivoluzione: per primo Camilo, il più bello e amato dalle donne; seguito dagli occhi aquilini del Che, due lanterne magiche sotto il basco tirato di traverso…
Leggi tutto

DA MARX A CHICAGO-BOY, LE METAMORFOSI DI UN RIVOLUZIONARIO

Daniel Ortega - Presidente della Repubblica del Nicaragua

 Quel paese colpiva per l’ingenuità di tanta sua gente. Dopo decenni di prepotenza sprezzante e sfruttamento disumano, terremoti, guerra e sempre miseria, allo sconosciuto incontrato lungo la strada non negava un sorriso, triste però aperto. Il comandante del pattuglione anti-contras che con il cameraman della Rai Mario Sanga seguivamo per gli aspri saliscendi delle colline…
Leggi tutto

L’ARABIA SAUDITA, POLVERIERA DELL’ISLAM

Bandiera dell'Arabia Saudita

La guerra c’è, dai fronti di battaglia aperti dal cosiddetto Stato Islamico in Mesopotamia, tra Siria e Iraq, agli episodi del più odioso terrorismo in Francia e in Germania. E’ una coniugazione di ferocia indotta anche per calcoli di marketing politico, direbbe Carl Philip Von Clausewitz se fosse vivo e potesse studiarla come ha fatto…
Leggi tutto

GUERRA CIVILE IN TURCHIA

Carro armato turco

Gli incendi della repressione che con il pensiero ai momenti meno luminosi dell’impero ottomano Erdogan ha appiccato in tutto il paese, portano i segni di una guerra civile a bassa intensità. Egli è già andato ben oltre una sia pur smisurata reazione al tentativo di destituirlo dal governo e forse liquidarlo una volta per tutte….
Leggi tutto

VENDICARE NIZZA, E DACCA ? (E ALTRI ANCORA?)

Bandiera francese a lutto

Un altro lupo solitario (?) ha sfogato la sua ferocia contro la folla inerme, stavolta lungo la Promenade des Anglais, nella città più italiana di Francia, in cui anche centinaia di nostri connazionali celebravano il 14 juillet, festa d’Europa. L’eccidio ha dilaniato le carni di decine di persone nel mezzo di una festa popolare, forse…
Leggi tutto

DALLAS NON E’ UN POSTO QUALSIASI

JFK-in-Dallas-11-22-63

Un massacro fa esplodere nuovamente la sempre latente questione razziale negli Stati Uniti. I poliziotti trucidati a Dallas dopo lo stillicidio di neri uccisi a freddo nell’ultima settimana dagli agenti sulle strade del Sud, rievocano momenti tra i più bui. E il Texas è il Texas, da sempre terra di frontiera. E Dallas non è…
Leggi tutto

IN ROTTA DI COLLISIONE…

La corsa dei tori a Pamplona

I più recenti avvenimenti internazionali sulle opposte sponde dell’Atlantico accentuano il sospetto -non nuovo- che le società occidentali stiano attraversando frequenti stati confusionali. Dati economici e politici coerenti vi sovrappongono tuttavia una lettura in chiave di crescente disagio sociale. La Gran Bretagna si spacca per uscire dall’Unione Europea, Donald Trump promette agli americani un neo-isolazionismo…
Leggi tutto

VENEZUELA: INEDIA O RESURREZIONE

Caracas, Venezuela

Ramon mette il telefono-cellulare in vivavoce e dall’ufficio di funzionario della facoltà d’Architettura dell’Università Nazionale, con lo stadio olimpico davanti alla finestra e 10mila chilometri di disgrazie, montagne, foreste e acque atlantiche che ci separano, mi giungono il suono della chitarra acustica di Reynaldo Goitia e la voce che cantilena il refrain di “El cadaver…
Leggi tutto

LUCE D’ERAMO, A 90 ANNI DALLA NASCITA

Luce_DEramo

In occasione del novantesimo anniversario della nascita (Reims, Francia, 17 giugno 1925), l’Università della Sorbona-Paris3 organizza prima a Parigi e poi a Roma in collaborazione con quella de La Sapienza un seminario che analizza e celebra l’opera letteraria della notissima scrittrice italiana Luce D’Eramo, saggista, autrice di numerosi romanzi sulle problematiche dell’uomo alla sfida con…
Leggi tutto

DACHAU (BAVIERA), NOVEMBRE 1993

Dachau

Comincia a nevicare mentre passiamo sotto questa scritta che non riesco a non guardare: Arbeit macht frei, il lavoro rende liberi. E’ qui, a soli 16 km. dalle birrerie di Monaco colme di cori, boccali spumeggianti e l’acre odore di urea avvertibile fin sulla strada, che l’hanno esposta la prima volta. Solo dopo è diventata…
Leggi tutto