SULL’ORIZZONTE DELLA CASA BIANCA

Donald Trump

Forse per le enormi incognite e i conseguenti timori che suscita, appare trascurato il dato che il trionfo di Trump segna una sconfitta per il partito repubblicano, oltre che per quello democratico. L’aggravamento delle fratture socio-economiche provocate dalla crisi esplosa nel 2008, ha determinato in Europa l’insorgere di nuove formazioni politiche definite con malcerta approssimazione…
Leggi tutto

PARADISO E INFERNO NELLE PAMPAS ARGENTINE

Pampas a cavallo

Questa è la Pampa humeda, la terra fertilissima che ha dato all’Argentina la fama di granaio del mondo; scena storica del gaucho, il mandriano sempre a cavallo popolarizzato in Europa all’inizio del Novecento, all’apice del folclore come estetica di gran moda. Colore, grandi spazi, chiome al vento, ponchos tirati sulle spalle (vedi Garibaldi, che qui…
Leggi tutto

SANGUE E AFFINITA’ ELETTIVE TRA ITALIA E ARGENTINA

Tullio De Mauro

La scomparsa negli ultimi giorni di due uomini cultura davvero emeriti e come tali riconosciuti, il linguista Tullio De Mauro a Roma e lo scrittore Ricardo Piglia a Buenos Aires, ricordano al di fuori d’ogni retorica di maniera i profondi e persistenti vincoli non soltanto di sangue tra Italia e Argentina. Certamente sostanziati tra l’Ottocento…
Leggi tutto

BOTTI E SCINTILLE DALLA CASA BIANCA

Fuochi d'artificio sulla Casa Bianca

Ben oltre una rivalsa dell’ultimo momento contro avversari interni ed esterni oltranzisti e scorretti fino all’inganno e all’oltraggio personale, il pirotecnico fine d’anno e di mandato dell’artificiere Barak Obama preannuncia senza mezzi termini la sua volontà di restare a tempo pieno nella lotta politica quotidiana. Le clamorose iniziative alle Nazioni Unite contro gli estremismi israeliani,…
Leggi tutto

METODO MACRI IN ARGENTINA

Maurizio Macri - presidente argentino

In Italia direbbero che ha fatto appena in tempo a mangiare il panettone. Non è certo però che il ministro dell’Economia, Alfonso Prat-Gay, l’avesse ancora digerito quando è stato licenziato senza alcun preavviso dal presidente Mauricio Macri subito dopo la messa di Mezzanotte e senza neppure attendere l’arrivo dei re Magi. Il clima generale, peraltro,…
Leggi tutto

Da Ankara a Berlino

Terrorista ISIS

E’ una falsa evidenza quella che sembra emergere dall’accostamento quasi in termini di causa-effetto tra l’aumento del numero dei rifugiati in Germania -certamente notevole- e il luttuoso attentato al mercatino natalizio della Gedaechtniskirche, nel centro dell’ex Berlino Ovest. Le straordinarie immagini dell’assassinio dell’ambasciatore russo in Turchia, Andreij Karlov, riprese dal coraggioso reporter turco Burhan Ozbelici,…
Leggi tutto

IL VOLTO TERRIBILE DEL DOLCE BRASILE

Bambini Brasiliani

C’è un Brasile sordido e ottuso la cui violenza può strappare in un istante l’estasi suggerita da sorrisi innocenti nel mezzo d’una natura ancora straordinaria, malgrado le devastazioni di cent’anni di speculazione edilizia. Il Morro dos Prazeres, dove il viaggiatore italiano Roberto Bardella, 52, è stato ammazzato a fucilate dai narcotrafficanti, si scapicolla giù dai…
Leggi tutto

IN MORTE DI FIDEL

Fidel Castro

Fidel Castro è morto. Non è la prima volta. Questa è però l’ultima. Com’è accaduto a più di un grande personaggio storico -da Carlo Magno a Napoleone-, le cadute mortali del leader cubano e latinoamericano scandiscono la sua straordinaria biografia. Dal rovinoso assalto alla caserma Moncada, il suo primo aperto atto di guerra alla dittatura…
Leggi tutto

LA PACE IN COLOMBIA SALTA IL GUADO

Manifestazione per la pace in Colombia

La pace è un processo che deve compiersi nella testa degli uomini e dunque ha tempi lenti, tuttavia il governo colombiano non se n’è lasciato imbrigliare e con un ulteriore impulso ha presentato al Congresso i nuovi accordi ottenuti con la guerriglia delle FARC affinché quanto prima vengano ratificati. Tornare indietro, ora, è impossibile. Costituirebbe…
Leggi tutto

LA COLOMBIA SUL PRECIPIZIO…

Crisi Colombiana

Se l’informazione langue, non significa che non accada niente. Ai negoziatori del processo di pace colombiano respinto sia pure di misura da un improvvido referendum, sta franando la terra sotto i piedi. Dopo l’inattesa gelata del voto contrario, hanno immediatamente ripreso le trattative e raggiunto un nuovo accordo che soddisfa gli interessi sostanziali della grande…
Leggi tutto