LA SCELTA DEI CATALANI E I RISCHI PER IL VENETO

Referendum in Catalogna

Economista, docente universitario e uomo d’impresa, il veneziano Giuliano Segre conosce a fondo la realtà economica e culturale del nord-est italiano, sulle cui aspirazioni autonomiste riflette a partire dalle ultime vicende del separatismo catalano e della crisi che ha aperto nello stato spagnolo. L’articolo è pubblicato su “La Nuova Venezia” del gruppo Finegil. Il 16…
Leggi tutto

PER CHI SUONA LA CAMPANA?

Proteste in Catalogna

Carichi di echi lontani e recenti, i rintocchi della drammatica crisi istituzionale in Spagna allarmano tutt’Europa. Da Bruxelles, però, possono soltanto invocare buon senso e sperare. La vertenza si gioca oltre i Pirenei. L’omaggio alla Catalogna indipendentista non è certo possibile, il suo avventurismo appare evidente: lo sciopero generale ne è un’altra manifestazione. Ma l’insipienza…
Leggi tutto

PERCHE’ I NEO-NAZISTI TORNANO AL BUNDESTAG

Bundestag

I recentissimi risultati delle elezioni in Germania, pur largamente previsti, sconcertano l’opinione democratica europea e mondiale. L’ingresso in forze nel sistema parlamentare tedesco di un partito con robuste componenti neo-naziste preoccupa tutti, da Mosca a Washington. Rinfocola timori antichi, spesso sopiti da circostanze eccezionali come negli anni della guerra fredda. Però mai dimenticati, tanto da…
Leggi tutto

IMMIGRANTI: LA MERCE NUMERO UNO

Immigranti

Roma, settembre I trafficanti, oggi, sono soprattutto arabi delle oltre 140 milizie e tribù in armi che spadroneggiano sul territorio libico, con o contro il governo tripolino di al-Serraj, interlocutore privilegiato del governo italiano, dice Emma Bonino, storica dirigente radicale ed ex ministro degli Esteri. Questi mercanti contrabbandano di tutto, dalle armi alla droga; e…
Leggi tutto

IN BRASILE, PRIMA DI LULA (e F.H. Cardoso)

Bandiera del Brasile

Pastorale sudamericana Olinda-Recife, (Pernambuco) Henrique ha tutta l’allegria dell’innocenza, agnus dei. Disinvolto e leggero come la sua età, che non arriva alla trentina. Scherza e sorride volentieri di se stesso, subito sfugge le contrapposizioni dello storico conflitto sociale del Nordeste: “Cangaceiro non sono; meno ancora coronel: per gli amanti della politica-folclorica sono una delusione”. Stringe…
Leggi tutto

CORRUZIONE E POLITICA, RASSEGNAZIONE E MORALE

Corruzione in Brasile

Le denunce di corruzione tra politica pubblica e affari privati non sospendono né la politica né gli affari, che anzi se ne servono per avvantaggiare ciascuno i rispettivi interessi. Non si tratta di derubricare perciò i reati commessi e connessi, bensì del contrario: di evitare che la denuncia degli accusati di turno distolga l’attenzione dell’opinione…
Leggi tutto

ROULETTE RUSSA IN VENEZUELA

Roulette Russa in Venezuela

Maduro e l’opposizione si giocano il potere dell’uno contro l’altra con la pistola puntata alla fronte di oltre 30 milioni di venezuelani. Lo denunciano gli stessi giornali e TV del paese. Lo confermano al telefono amici e colleghi. E’ la politica del massimo azzardo e nessuna delle due parti vuol deporre le armi. Domenica scorsa…
Leggi tutto

CORRUZIONE, SOCIETA’, POLITICA E AFFARI

Ex Presidente Lula

Tra scandalo, assuefazione e calcolo politico, il dibattito sulla corruzione coinvolge il mondo a ogni latitudine, senza che nessuno dei grandi stati-nazione faccia eccezione. Da Lord Robert Walpole nel 1700 al premier Harold Mac-Millan negli anni Cinquanta del secolo scorso, se richiesti di esprimersi sul rapporto denaro-morale, prestigiosi politici della prima democrazia moderna rispondono: per…
Leggi tutto

VENEZUELA: IN CADUTA LIBERA

Nicolas Maduro

Il Venezuela precipita, senza che nessuno sappia dire dove finirà… Ogni giorno, ormai da mesi, una manifestazione di strada e un morto… Ancor più torbidi gli episodi ultimi, attacchi presunti o reali a caserme e sedi ufficiali che una parte o l’altra denuncia e quella opposta smentisce… Lasciano intravvedere segni, manovre di assaggio d’una guerra…
Leggi tutto

TERRORE A TEHERAN, TRUMP S’AVVENTURA

Attacco a Teheran

I fatti si commentano ormai da soli, stracciano e buttano nel cestino delle regole obsolete e superflue la tradizionale distinzione comandata dal più classico giornalismo anglosassone: la separazione tra notizia e commento. L’attacco terroristico al Parlamento di Teheran e al monumento a Khomeini, i morti e i feriti, seguono a distanza di poche ore l’improvvisa…
Leggi tutto